Aggiornamento Api, Animali a rischio.

Il 20 maggio è stata istituita dall’Assemblea Generale dell’Onu la Giornata Mondiale delle api.
Una data che quest’anno si può celebrare firmando l’Iniziativa dei Cittadini Europei (Ice) “Save Bees and Farmers! Verso un’agricoltura favorevole alle api per un ambiente sano”. L’Ice è una proposta di direttiva europea di iniziativa popolare: viene presentata al parlamento europeo se raggiunge un milione di firme in almeno 7 Paesi dell’Unione. L’iniziativa è promossa anche da Cambia la Terra, il progetto voluto da FederBio e sostenuto da Legambiente, Lipu, Medici per l’ambiente e Wwf.

La richiesta dell’Ice è eliminare completamente i pesticidi di sintesi dai campi entro il 2035, partendo dalle sostanze più pericolose, con un primo step dell’80% al 2030. Si chiede anche di ripristinare gli ecosistemi naturali nelle aree agricole, perché l’agricoltura possa diventare una forza motrice per il recupero della biodiversità. L’Ice propone di riformare il settore, dando priorità all’agricoltura biologica e di piccola scala, diversificata e sostenibile.

Le api sono sempre più minacciate dai pesticidi, dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici. In Europa, è a rischio estinzione una specie su dieci. Eppure, le api garantiscono la riproduzione del 78% delle specie di fiori selvatici e dell’84% delle specie coltivate nell’Unione Europea.

Gran parte della frutta e delle verdura consumata nel Vecchio Continente dipende dalle api. Il loro declino ha quindi una diretta conseguenza anche sull’economia: la produzione agricola europea resa possibile grazie agli impollinatori vale 15 miliardi di euro all’anno. (ANSA).

Bene per qaule motivo questo articolo?

Innanzi tutto perchè provengo da una famiglia di contadini, e ne conosco diversi aspetti. Ritengo necessario promuovere e segnalare, iniziative che hanno cura degli aspetti per la conservazione della natura e che al momento è l’unico modo che ho per contribuire. Maturare costantemente la consapevolezza che l’uomo si è da sempre evoluto attraverso ciò che la natura ha concesso e senza alcuna manipolazione chimica è fondamentale. Tutti sappiamo che le Api sono uno degli indicatori primari della salute della terra, e di conseguenza di ciò che essa produce coinvolgendoci direttamente, ma…. avremmo dovuto aprire gli occhi molto prima che le conseguenze negative per le Api causate da”uomo, ci segnalassero il problema; sfortunatamente non è così. Leggendo l’articolo, ho semplicemente associato il nome del nostro paese “Vallefiorita” alle Api mi si è creata una piacevole immagine. Sostenere nel proprio piccolo una inversione di tendenza, es… mettere nel nel proprio terreno tre quattro arnie senza il pensiero di doverne ricavare necessariamente profitto se non quello del contributo che le Api offrono alle terre portando sulle tavole un prodotto di qualità, a costi decisamente irrilevanti.

Come dice ancora mio nonno: “ognuno saluta ca cuoppula chi ava

Arnie e articoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑