Julian Assange spiato: una storia da film. Operazioni di spionaggio contro il fondatore di WikiLeaks

Sul nostro sito il film documentario di ARTE.tv sulle operazioni di spionaggio contro il fondatore di WikiLeaks, i suoi collaboratori, medici, avvocati e i giornalisti che lavorano ai file segreti di WikiLeaks. Dall’indagine in corso in Spagna, è emerso che alcuni testimoni protetti hanno rivelato piani estremi, come la possibilità di avvelenare Julian Assange.

E’ una storia da film. Un copione degno di 007. Ogni mossa, ogni parola, ogni incontro di Julian Assange, quando si trovava ancora nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, è stata spiata, registrata, filmata ed è, in tutta probabilità, finita in mano all’intelligence degli Stati Uniti, che ormai da dieci anni cercano di mettere le mani sul fondatore di WikiLeaks, dopo che ha rivelato i documenti segreti del governo americano. La storia ha dell’incredibile, ed è al centro di un documentario del canale europeo ARTE, che oggi i lettori di Fattoquotidiano.it possono vedere sul nostro sito.

I fatti raccontati nel film sono da mesi oggetto di una complessa indagine giudiziaria del magistrato spagnolo José de la Mata dell’Audiencia Nacional. Due settimane fa, il quotidiano spagnolo El Paìs ha rivelato che si è mossa anche la magistratura di Berlino, in quanto tra le persone colpite, ci sarebbero anche tre giornalisti della TV di stato tedesca, che avevano fatto visita al fondatore di WikiLeaks.

Le attività di spionaggio e sorveglianza non sembrano aver risparmiato nessuno. Nei filmati, nelle registrazioni e nelle fotografie si vedono i medici che visitavano Julian Assange nell’ambasciata, i suoi avvocati, la sua compagna, Stella Morris, e il loro bambino piccolo, Gabriel, i diplomatici ecuadoriani, i giornalisti di WikiLeaks e noi giornalisti che da anni lavoriamo ai documenti segreti dell’organizzazione di Assange.

Chi scrive si è ritrovata filmata e con i telefoni aperti in segreto. I nostri incontri sono stati registrati a nostra insaputa e tutti i nostri dispositivi elettronici fotografati, inclusi i caricabatterie dei cellulari, i power bank per la ricarica, i registratori digitali, tutte le memorie USB e il nostro telefono “dumbphone” (un cellulare che non è uno smartphone) è stato aperto in due, la scheda sim estratta e il codice IMEI (l’identificativo unico dei telefonini) fotografato. Ad oggi, non è chiaro se la documentazione giornalistica molto delicata, che avevamo salvato in forma criptata nelle memorie USB, sia stata copiata e decifrata.

L’AMBASCIATA SUPERSORVEGLIATA

Tutto è accaduto nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, nel quartiere di Knightsbridge a due passi dai magazzini Harrods, in cui Julian Assange è rimasto confinato dal 19 giugno 2012 all’11 aprile 2019, quando è stato arrestato dalle autorità inglesi. Assange godeva del diritto di asilo, che gli era stato concesso nel 2012 dall’allora presidente Rafael Correa, ma nell’aprile del 2019, l’attuale leader ecuadoriano, Lenin Moreno, gli ha revocato la protezione e ha permesso agli agenti di Scotland Yard di entrare nell’edificio e di arrestarlo.

Oggi il fondatore di WikiLeaks si trova a Londra, nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, in attesa che il processo di estradizione, attualmente in corso, decida sul suo destino. Gli Stati Uniti vogliono estradarlo per aver pubblicato oltre 700mila documenti segreti: il video Collateral Murder, in cui si vedeva un elicottero americano Apache sparare su civili inermi a Baghdad; 76mila report sulla guerra in Afghanistan e 391.832 su quella in Iraq; 251.287 cablo della diplomazia Usa e infine 779 schede sui detenuti di Guantanamo. Se gli USA riusciranno a estradarlo, Assange passerà la sua vita in carcere, visto che rischia 175 anni di prigione per aver rivelato quei file, che hanno permesso di documentare torture sistematiche e crimini di guerra, come per esempio decine di migliaia di morti civili causate dalla guerra in Iraq mai conteggiate prima ed emerse solo grazie agli Iraq War Logs.

UN’AZIENDA FIDATA?

Le attività di spionaggio contro Julian Assange, la sua compagna, i suoi collaboratori, i medici, avvocati e i giornalisti, sono emerse l’anno scorso. A rivelarle per primo è stato il quotidiano spagnolo El Paìs. A condurre le attività di sorveglianza e spionaggio è stata la stessa azienda di security, UC Global, che l’allora presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, aveva ingaggiato per proteggere l’ambasciata subito dopo che Assange vi si era rifugiato per chiedere protezione.

In quel periodo la sede diplomatica londinese mancava delle più basilari dotazioni di sicurezza, per questo Correa ingaggiò l’impresa spagnola di security, UC Global, per garantire protezione all’edificio, al personale diplomatico e al nuovo “ospite”. Formalmente, UC Global operava sulla base di un contratto con il Senain, i servizi di intelligence dell’Ecuador e probabilmente, nell’arruolarla, Correa aveva agito con le migliori intenzioni: UC Global, infatti, proteggeva anche la sua famiglia, e quindi era considerata affidabile.

Nel corso degli anni, però, l’azienda ha messo in atto piani sempre più discutibili, tanto che secondo alcuni testimoni protetti e al centro dell’indagine spagnola, il capo della UC Global, David Morales, avrebbe confidato loro la possibilità di ricorrere a soluzioni estreme, tipo avvelenare Julian Assange o lasciare aperta la porta dell’ambasciata di notte, simulando una distrazione, per consentire il suo rapimento.

I documenti dell’inchiesta spagnola lasciano emergere che Morales faceva richieste ai suoi dipendenti a dir poco singolari. Per esempio, voleva conoscere la composizione esatta dei muri della stanza di Julian Assange incluso il tipo di mattoni e cemento, e chiedeva di migliorare l’audio delle telecamere. Noi visitatori non eravamo consapevoli che le telecamere potessero registrare le conversazioni di nascosto, oltre che fare filmati.

Secondo le dichiarazioni dei testimoni protetti, il capo della UC Global avrebbe fatto più volte riferimento a “los amigos americanos”, ovvero l’intelligence americana per cui certe informazioni sarebbero state raccolte. Di fatto, in alcune email interne della UC Global, Morales chiede ai suoi sottoposti di fare attenzione e di trattare le informazioni sui suoi viaggi “specialmente quelli negli Usa” in modo confidenziale. E alcune delle sue richieste sembrano avere poco senso, a meno che certe informazioni non venissero passate a terze parti.

Da una delle comunicazioni interne della UC Global, emerge anche che l’azienda stesse valutando di creare un sistema che permettesse di sorvegliare quanto accadeva dentro l’ambasciata in streaming con tre possibilità di accesso “una para Ecuador, una para nosotros y otra para X”, ovvero un accesso da remoto per l’Ecuador, uno per l’azienda e un altro per un non meglio identificato paese X.

I testimoni protetti hanno riferito che Morales avrebbe richiesto di inviare i materiali raccolti a un server a cui risulterebbero accessi dagli Stati Uniti.

UN BEBE’ IN FASCE. EPPURE GIA’ SPIATO

Neppure il bambino piccolissimo di Julian Assange, avuto dalla compagna Stella Morris negli anni in cui si trovava dentro l’ambasciata, si sarebbe salvato da queste attività di spionaggio: uno dei testimoni ha raccontato di aver ricevuto l’incarico di rubare un pannolino del bambino per poter fare un test del Dna e stabilire la paternità del neonato. Il piano sarebbe saltato solo perché uno degli uomini della security UC Global avrebbe avvertito la madre di non portare più il piccolo in ambasciata a fare visita al padre.

Anche gli incontri con gli avvocati appaiono ripresi e registrati, un aspetto questo che porta a chiedersi: che speranza ha, Julian Assange, di poter avere un giusto processo, se le autorità americane conoscono già ogni dettaglio della sua strategia legale?

Le comunicazioni interne dell’impresa spagnola dimostrano che il capo della UC Global, David Morales, era particolarmente interessato ad acquisire informazioni sugli avvocati Baltasar GarzonJennifer RobinsonCarlos Poveda e Renata Avila; sulla giornalista Sarah Harrison, che nel 2013 volò a Hong Kong per aiutare Edward Snowden a ottenere asilo politico; sui giornalisti e filmmaker Juan e Jose Passarelli e sul filosofo croato Srecko Horvat. Attenzione speciale, ovviamente, era riservata alla compagna di Julian Assange, Stella Morris, “Se è necessario, voglio una persona dedicata [a occuparsi di lei, ndr] a tempo pieno”, scrive Morales ai suoi dipendenti.

Sebbene i fatti si siano svolti a Londra, l’indagine sulla UC Global è portata avanti dalla magistratura di Madrid, che ha competenza territoriale in quanto la UC Global ha sede in Spagna ed è lì che sarebbe stato denunciato un tentativo di estorsione legato ai materiali riservati raccolti dall’azienda, che ha innescato l’inchiesta penale. A indagare è l’Audiencia Nacional, un organo giudiziario che ha competenza su tutto il territorio spagnolo e che si occupa dei reati più gravi, come terrorismo, mafia e narcotraffico.

L’indagine, però, si potrebbe allargare. Due settimane fa, infatti, il quotidiano El Paìs ha rivelato che anche la magistratura tedesca si sta interessando al caso e ha chiesto accesso alla documentazione, dopo che è emerso che tre giornalisti della TV di stato tedesca, John GoetzReiko Pinkert e Antonius Kempmann, potrebbero essere stati sorvegliati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑