Gli Stati Uniti non hanno mai chiesto al rivale di WikiLeaks dirimuovere i cavi trapelati

Fonte THE GUARDIAN

Cryptome ha anche pubblicato documenti che sono al centro del caso di estradizione di Julian Assange

Le autorità statunitensi non hanno mai chiesto a un rivale di WikiLeaks di rimuovere i cablogrammi non redatti che sono stati tra quelli al centro della battaglia legale per inviare Julian Assange negli Stati Uniti, è stato detto alla sua audizione di estradizione.

La prova è stata fornita da un attivista veterano di Internet il cui sito web, Cryptome, ha pubblicato più di 250.000 documenti classificati un giorno prima che WikiLeaks iniziasse a metterli online .L’estradizione di Julian Assange minerebbe la libertà di parolaLuiz Inácio Lula da SilvaLeggi di più

In una breve dichiarazione presentata dal team di Assange all’Old Bailey, John Young ha affermato di aver pubblicato cavi diplomatici non censurati il ​​1 ° settembre 2011 dopo aver ottenuto un file crittografato e che sono rimasti online.

Young, che ha fondato Cryptome nel 1996, ha aggiunto: “Dalla mia pubblicazione su Cryptome.org dei cablogrammi diplomatici non redatti, nessuna autorità delle forze dell’ordine statunitensi mi ha notificato che questa pubblicazione dei dispacci è illegale, consiste o contribuisce a un crimine in qualsiasi modo , né hanno chiesto che fossero rimossi. “

Assange, 49 anni, sta combattendo l’estradizione negli Stati Uniti , dove sta affrontando un’accusa di 18 conteggi che accusa un complotto per hackerare computer e cospirazione per ottenere e divulgare informazioni sulla difesa nazionale.Sequenza temporaleTimeline

Julian Assange battaglia per l’estradizioneJulian Assange extradition battle

HideSpettacoloGiugno 2010 – Ottobre 2010

WikiLeaks rilascia circa 470.000 documenti militari classificati riguardanti la diplomazia americana e le guerre in Afghanistan e Iraq. Successivamente rilascia un’ulteriore tranche di oltre 250.000 cablogrammi diplomatici statunitensi classificati.Novembre 2010

Un procuratore svedese emette un mandato di arresto europeo per Assange per accuse di violenza sessuale che coinvolgono due donne svedesi. Assange nega le affermazioni.Dicembre 2010

Si presenta alla polizia di Londra e viene arrestato. Successivamente viene rilasciato su cauzione e definisce le accuse svedesi una campagna diffamatoria.Febbraio 2011

Un giudice britannico stabilisce che Assange può essere estradato in Svezia. Assange teme che la Svezia lo consegnerà alle autorità statunitensi che potrebbero perseguirlo.Giugno 2012

Si rifugia nell’ambasciata ecuadoriana a Londra. Chiede, e successivamente gli viene concesso, asilo politico.Novembre 2016

Assange  viene interrogato  in un’intervista di due giorni sulle accuse all’ambasciata ecuadoriana da parte delle autorità svedesi.Gennaio 2017

WikiLeaks afferma che Assange potrebbe recarsi negli Stati Uniti per affrontare un’indagine se i suoi diritti fossero “garantiti”. Viene dopo che una delle principali fonti di documenti trapelati dal sito, Chelsea Manning, ha ricevuto clemenza.Maggio 2017

I pubblici ministeri svedesi affermano di aver chiuso la loro indagine durata sette anni sulle aggressioni sessuali ad Assange . La polizia britannica afferma che lo arresterebbe ancora se lascia l’ambasciata poiché ha violato i termini della sua cauzione nel 2012.Gennaio 2018

La Gran Bretagna rifiuta la richiesta dell’Ecuador di accordare ad Assange lo status diplomatico, che gli consentirebbe di lasciare l’ambasciata senza essere arrestato.Febbraio 2018

Perde un’offerta per la cancellazione del mandato d’arresto britannico per motivi di salute.Marzo 2018

L’Ecuador interrompe l’accesso a Internet di Assange affermando di aver rotto un accordo sull’interferenza negli affari di altri paesi.Novembre 2018

I pubblici ministeri statunitensi rivelano inavvertitamente l’esistenza di un’accusa sigillata contro Assange .2 aprile 2019

Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno afferma che Assange ha “ripetutamente violato” le condizioni del suo asilo presso l’ambasciata.11 aprile 2019

La polizia arresta Assange presso l’ambasciata  per conto degli Stati Uniti dopo che il suo asilo è stato ritirato. È accusato dagli Stati Uniti di “un’accusa federale di cospirazione per commettere intrusioni informatiche per aver accettato di infrangere la password di un computer classificato del governo degli Stati Uniti”.1 maggio 2019

È stato incarcerato per 50 settimane  nel Regno Unito per aver violato le condizioni della sua cauzione nel 2012. Una lettera di scuse di Assange viene letta in tribunale, ma il giudice dichiara che si era impegnato in un “tentativo deliberato di eludere la giustizia”. Il giorno successivo è stato formalmente avviato il procedimento di estradizione statunitense . 13 maggio 2019

I pubblici ministeri svedesi annunciano che stanno riaprendo un’indagine su un’accusa di stupro contro Julian Assange.13 giugno 2019

Il ministro dell’Interno Sajid Javid rivela di aver firmato l’ordine di estradizione statunitense per Assange, aprendo la strada alla sua audizione in tribunale.24 febbraio 2020

L’ udienza per l’estradizione di Assange inizia presso il Woolwich Crown Court nel sud-est di Londra. Dopo una settimana di discussioni di apertura, il caso di estradizione deve essere aggiornato a maggio. Ulteriori ritardi sono causati dall’epidemia di coronavirus.15 settembre 2020

Un’udienza programmata per quattro settimane inizia all’Old Bailey con il governo degli Stati Uniti che dovrebbe sostenere che Assange ha cercato di reclutare hacker per trovare informazioni riservate del governo. Se i tribunali approveranno l’estradizione, il governo britannico avrà ancora l’ultima parola.È stato utile?

Anche esperti medici hanno fornito prove all’Old Bailey questa settimana. Martedì, uno psichiatra chiamato dal team di Assange che lo ha visitato nella prigione di Belmarsh ha detto che il fondatore di WikiLeaks sarebbe ad “alto rischio” di togliersi la vita se estradato.

Michael Kopelman, professore emerito di neuropsichiatria al King’s College di Londra, che ha visitato Assange 20 volte in prigione, ha aggiunto: “Il rischio di suicidio nasce da fattori clinici … ma è l’imminenza dell’estradizione e / o una vera e propria estradizione questo farebbe scattare il tentativo, secondo me. “

Tuttavia, uno psichiatra che ha fornito prove per il governo degli Stati Uniti giovedì ha detto che il rischio di suicidio di Assange era “gestibile”.

Il dottor Nigel Blackwood, un medico del NHS, ha descritto Assange come un uomo “resiliente” e “pieno di risorse” che aveva sfidato le previsioni sulla sua salute mentale.

Assange è detenuto in carcere nel sud-est di Londra dallo scorso settembre dopo aver scontato una pena detentiva di 50 settimane per aver violato le condizioni di libertà provvisoria mentre era all’ambasciata ecuadoriana a Londra per quasi sette anni.

L’udienza ha anche sentito da un esperto svizzero di informatica che i cablogrammi diplomatici statunitensi non redatti sono diventati di pubblico dominio in seguito alla pubblicazione di un passcode in un libro dei giornalisti del Guardian nel febbraio 2011.

Il prof. Christian Grothoff, dell’Università di scienze applicate di Berna in Svizzera, ha affermato che in seguito si è scoperto che il codice potrebbe essere utilizzato per decrittare una versione “speculare” del negozio online di cavi crittografati di WikiLeaks. La cache completa, inclusi i documenti classificati, è stata resa disponibile tramite Cryptome e un altro sito web il 1 ° settembre, ha detto.

Il Guardian ha negato il reclamo, che è stato presentato anche dal team legale di Assange.

“Il Guardian ha chiarito che è contrario all’estradizione di Julian Assange. Tuttavia, è del tutto sbagliato dire che il libro WikiLeaks del 2011 del Guardian ha portato alla pubblicazione di file del governo degli Stati Uniti non redatti “, ha detto un portavoce.

“Il libro conteneva una password che agli autori era stata detta da Julian Assange era temporanea e sarebbe scaduta e sarebbe stata cancellata nel giro di poche ore. Il libro inoltre non conteneva dettagli sull’ubicazione dei file. Nessuna preoccupazione è stata espressa da Assange o WikiLeaks riguardo alla compromissione della sicurezza quando il libro è stato pubblicato nel febbraio 2011. WikiLeaks ha pubblicato i file non modificati nel settembre 2011 “.

Visto che sei qui …

… raggiungendoci dall’Italia, abbiamo un piccolo favore da chiederti. Milioni di persone stanno affollando ogni giorno il Guardian per notizie aperte, indipendenti e di qualità e i lettori di 180 paesi in tutto il mondo ora ci supportano finanziariamente.

Crediamo che tutti meritino l’accesso a informazioni fondate su scienza e verità e analisi radicate nell’autorità e nell’integrità. Ecco perché abbiamo fatto una scelta diversa: mantenere la nostra segnalazione aperta a tutti i lettori, indipendentemente da dove vivono o da quanto possono permettersi di pagare.

The Guardian non ha azionisti o proprietari miliardari, il che significa che il nostro giornalismo è libero da pregiudizi e interessi costituiti: questo ci rende diversi. La nostra indipendenza e autonomia editoriale ci consente di fornire indagini e analisi senza paura di coloro che hanno potere politico e commerciale. Possiamo dare voce agli oppressi e agli emarginati e contribuire a realizzare un futuro più luminoso e più giusto. Il tuo supporto protegge questo.

Sostenerci significa investire nel giornalismo del Guardian per il domani e per gli anni a venire. Più lettori finanziano il nostro lavoro, più domande possiamo porre, più a fondo possiamo scavare e maggiore sarà l’impatto che possiamo avere. Siamo determinati a fornire rapporti che aiutino ciascuno di noi a comprendere meglio il mondo e ad intraprendere azioni che sfidano, uniscono e ispirano il cambiamento.

Il tuo sostegno significa che possiamo mantenere aperto il nostro giornalismo, così milioni di altri hanno libero accesso alle notizie affidabili e di alta qualità che meritano. Quindi cerchiamo il tuo sostegno non solo per sopravvivere, ma per accrescere le nostre ambizioni giornalistiche e sostenere il nostro modello di reportage aperto e indipendente.

Se mai ci fosse un momento per unirsi a noi e aiutare ad accelerare la nostra crescita, è adesso. Hai il potere di sostenerci in questi tempi economici difficili e di consentire un impatto nel mondo reale.

Ogni contributo, piccolo o grande che sia, fa la differenza. Sostieni THE GUARDIAN oggi a partire da un minimo di € 1: ci vuole solo un minuto. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑